“ZANABDUL in VIAGGIO…”

Spettacolo teatrale in forma di monologo con musica dal vivo

Zanabdul è un personaggio nato dalla fantasia e dalle esperienze di vita dell’attore marocchino Ajouguim Abdellah: emigrato in Italia molti anni fa, egli ha trasformato lo Zanni della commedia dell’arte italiana, l’antico Arlecchino – il servitore, in un personaggio più moderno, universale, che parla italiano, francese, arabo perchè si sposta, viaggia, emigra…

I temi trattati da Zanabdul possono essere drammatici o comici, con testi comunque di impegno civile e sociale. La forma è quella del monologo, accompagnato dagli strumenti etnici, dalle musiche e canzoni del musicista veneto di origini pugliesi Renato Tapino, a volte coadiuvato da altri musicisti, come ad esempio il percussionista e cantante marocchino Mohammed Neffaa.

Una forma d’arte interculturale quindi, che si propone di divertire e far pensare con con la forza del teatro, della poesia e della musica, contro ogni forma di razzismo e di sopraffazione dell’uomo sull’uomo.

L’anteprima dello spettacolo, in forma di monologo breve,  sarà in Concorso sabato 19 gennaio 2019

al Festival “Corti in Cima”, presso l’Auditorium “Dina Orsi” di Conegliano V.to/Tv.

con

AJOUGUIM ABDELLAH

attore, autore, monologhista

e

RENATO TAPINO

clarinetto, chitarra, flauto dolce, ocarina, armonica, hulusi, percussioni, voce